lunedì 12 novembre 2018

Lavori in corso

Da qui alla fine dell'anno di preannuncia un periodo molto tosto, a livello lavorativo.
Le normative cambieranno e le persone, come sempre si svegliano all'ultimo.
Io mi troverò a dover seguire un programma molto serrato, fatto di sveglie presto, serate al pc e massima concentrazione al lavoro in ufficio, per portare a termine i tanti progetti in ballo. Che poi fosse solo quello il problema, in realtà poi i problemi sono dati dai dipendenti pubblici che sfruttano la loro posizione per farsi i comodi (economici) loro, rivelandosi, in conclusione, degli inetti.

Qui da me la situazione si è stabilizzata, l'acqua è tornata potabile in alcune zone, non a casa mia, le strade non sono più quelle di prima e nemmeno le montagne e i paesaggi. Il trasporto pubblico per la scuola del grande non è ancora stato ripristinato, ma con qualche chilometro in più e qualche minuto in meno al lavoro, fin'ora me la sono cavata. Ma le emergenze più grandi sono rientrate. Ora ci sono da ricostruire tetti, sistemare i danni e finire di tagliare alberi caduti o pericolosi. Un po' alla volta si fa tutto, anche perché qui ognuno fa il suo, i volontari, il Comune, il sindaco, la cui barba cresce e imbianca a vista d'occhio con il passare dei giorni, la Protezione Civile, nostra ma anche quella che ci è stata mandata da più parti d'Italia, e l'esercito. Insomma si fa, si fa tutto, un po' alla volta e tra mille polemiche.
In questi giorni, per avere notizie aggiornate e certe, controllo il facebook del Comune, quello ufficiale e non, io non ho facebook e dopo certe cose che ho letto sono ancora più convinta. Le polemiche sterili e inutili, le stupidaggini, le cattiverie e i commenti che vengono scritti. Ma veramente c'è gente così limitata e presuntuosa?
Lo so, sono io particolarmente ingenua, ma ogni volta che mi rendo conto dell'esistenza di persone di così poco conto, che sostengono tesi campate in aria o che a tutti i costi vogliono aver ragione è come prendere la porta in faccia.

Questo fine settimana è andato, bene, mi reputo soddisfatta. I km all'ora aumentano ogni volta di qualche metro e questo aiuta a non mollare.
Ieri volevo dedicarmi alla cucina, pizza, focaccia, gnocchi di zucca e pane di zucca. Va bhè la zucca è cotta... stasera penserò a concludere... che disastro di casalinga.
Non riesco a portare a termine sempre ciò che mi prefiggo, ma sono umana e non devo dimostrare nulla a nessuno, se non a me stessa.



martedì 30 ottobre 2018

Tristezza

Sono al lavoro. Senza voglia di combinare assolutamente nulla.
A casa siamo senza corrente da ieri alle 18.00, al lavoro, invece, tutto regolare, e invece io me ne starei volentieri a casa.
A casa manca qualche tegola sul tetto, non so di preciso quanto, dalla soffitta si vede un piccolo foro e da fuori non si vede nulla. In giornata qualcuno dovrebbe andare a sistemare. Speriamo.
Molte strade sono impraticabili, bloccate.
Ieri sera il non marito è tornato a casa facendo un pezzo di strada a piedi.

E' un macello. E io oggi sono proprio giù anche se poteva andare peggio

domenica 28 ottobre 2018

Gongolo #2

Il week end è  ormai finito. anche se io ho un paio d'ore di lavoro ancora.

Sono stati due giorni molto pieni e impegnativi, ma la prospettiva del giovedì a casa ha aiutato a non farsi prendere dall'ansia delle cose da fare.
Poi è arrivata la notizia delle scuole chiuse domani, provvedimento a mio parere esagerato, inutile e che se ne frega fondamentalmente dell'organizzazione delle persone. Che io dico, ok Cortina o Agordo dove ci sono veramente grossi problemi, ma qui nonostante l'acqua incessante non ci sono disagi.

Tornando a noi, sabato me ne sono andata a correre. Sono nuovamente tornata agli 8 km in un'ora. Si lo so, sono una schiappa ma intanto mi basta, e pian piano migliorerò, tra l'altro ancora non corro per tutta l'ora di fila. Oggi invece non ho corso, davvero troppa acqua.

Oggi abbiamo avuto suocero, moglie e cognata a pranzo, strudel salato gnocchi di zucca e torta di carote. E sappiatelo, se ancora non lo avete capito, il tempo pieno è il male, la condanna di mio figlio, e io una madre di m., di conseguenza, perché lavoro.
Comunque è incredibile come ora, che gli altri nipoti sono dall'altra parte dell'oceano diventiamo oggetto di attenzioni, destinatari di doni, cibo, e legna.. mah, coincidenze.

Oggi poi con i bimbi sono andata a teatro, uno spettacolo molto molto bello. Il grande povero ha pianto. Era emotivamente pesante in effetti, per un bambino come lui poi. Si parlava in qualche modo di adozione e alla fine mi ha chiesto se lui fosse uscito dalla mia pancia. "si certo" - " sei sicura?" - "si me lo ricordo bene"

E ora veniamo al titolo.
Gongolo per me questa volta. Perché un collega con molta esperienza e con un certo ruolo, che ho conosciuto qualche anno fa mi ha telefonato per propormi un incarico nella commissione disciplinare. Non mi dilungo in specifiche noiose ma mi ha fatto molto piacere lo ammetto.
Prima o poi la mazzata arriva, che questo è un periodo molto positivo, ma sentirsi dire "per come ti ho conosciuto mi sembri la persona adatta" per ora mi fa gasare alla grande.

Buon inizio settimana!!

venerdì 26 ottobre 2018

Gongolo

Il weekend è di nuovo arrivato
e anche il brutto tempo. Qui tra primo freddo, vento caldissimo e incendi un po' ovunque è stata una settimana strana.

Stasera esco con delle "amiche" per gentile concessione dei nonni che tengono i pargoli a cena. Sperare arrivi un invito per dormire è troppo, lo so.

Questo fine settimana ho tutte le intenzioni di andare a correre sabato e anche domenica, e il giovedì a casa mi mette già di buon umore in prospettiva della prossima settimana.
Domenica probabilmente avrò suocero, compagna e cognata a pranzo, quindi se non vado a correre prima, potrei non reggere.

E poi gongolo, gongolo in privato ma gongolo.
Perché sentirsi dire, da più persone, e in diversi ambiti, quanto sono bravi i bambini fa comunque sempre molto piacere. Segno che proprio tutto non abbiamo sbagliato.
Ecco, magari possiamo posso mollare un po' di rigidità, almeno con il grande.
Quando poi ti chiamano dalla piscina a dirti che il pargolo è cosi bravo che sarebbe il caso, se a voglia, di fare qualche gara, bhè allora gongolo il doppio, ma solo qui e con il non marito, che in fondo non è che freghi nulla a nessuno, e tirarsela non va mai bene, che prima o poi, lo so, la ruota gira.
Però fa piacere ecco, e ogni tanto fa bene guardarsi in faccia con il non marito e dirsi che in fondo, siamo proprio bravi, oltre che fortunati.

mercoledì 24 ottobre 2018

Piscina, pizza e amici

La serata di ieri sera mi ha fatto rinascere, non fisicamente che oggi sono arrivata in ufficio mezz'ora più tardi per la stanchezza.

Dopo essere andata in piscina, dove è andata stranamente bene, sono andata a cena con l'amico di sempre.
Lui ha da poco una ragazza, io ho la sensazione che stiano andando troppo di corsa e che lo vedrò sempre meno.
Io con i miei ragazzi ho sempre tenuto a precisare che mai e poi mai avrei rinunciato agli amici, che poco mi importava di possibili gelosie, ma, mi sa, che non è per tutti così, vedremo.
Comunque è stata una piacevole serata, una chiacchierata tranquilla e serena senza i bambini che devono giocare e fargli vedere mille cose.
Sono lontani i tempi in cui io passavo la sera a lamentarmi del rapporto disastroso con non marito, e lui probabilmente passava la sera a pensare che gli avrebbe volentieri spaccato la faccia.

lunedì 22 ottobre 2018

attenzione pericolo di fondo ghiacciato

Così è iniziato il mio lunedì.
Sono di nuovo in deficit di tempo ed energie rispetto alle cose da fare.

Sul fine settima stendiamo un velo pietoso, non riesco a godermi le cose perché penso a cosa ho da fare. L'unica nota positiva è la serata film e popcorn con i bimbi sabato.

Ho qualche difficoltà con una visita oculistica che dovrebbe fare il grande, caldamente consigliata dalla pediatra a cui ci siamo rivolti, privatamente, per altre cose e che la dottoressa della mutua non vuole assolutamente prescriverci.

Sabato sono andata a correre, pensavo peggio ma dovrei andare più spesso per vedere i risultati.

Per il resto, niente nuove buone nuove.

Buona giornata e settimana

martedì 16 ottobre 2018

Considerazioni sparse

Manco da un po', ma la mia mente è un po' in stand by in questo periodo. Troppe cose da fare, poca organizzazione e tanta stanchezza inspiegata.

Sto invecchiando. Ho sempre pensato che non avrei avuto problemi ad accettare i cambiamenti dovuti all'età, ma mentre accetto di buon grado i primi capelli bianchi mi sono lasciata interdire dal cambiamento della mia pelle. Che poi me ne accorgo solo io, e anche ieri mi sono sentita dire che "ho la faccia da adolescente".

Ci sono settimane, come queste, in cui la nostra amata routine salta, ci sono bambini da gestire a casa tutto il giorno, appuntamenti imprevisti, lavoro che non si può saltare, nessuno come sempre che offre spontaneamente una mano. E se si riesce ad arrivare alla fine senza litigare ma anzi, offrendosi comprensione e sostegno a vicenda io mi sento finalmente arrivata. Arrivata ad un punto in cui i litigi costanti sono solo un lontano ricordo, e la serenità familiare sembra finalmente un traguardo raggiungibilr

Non vado a correre. Non ci vado per tutta una serie di motivi che mi autoracconto. Il punto è che se fossi costante per tre settimane di fila poi non smetterei più.

Ho iniziato 15 giorni senza latticini. E se i miei problemi scompariranno o miglioreranno mi deciderò finalmente ad andare dal medico.

Ma quanto è limitata la mente umana se pensa che per fare ciò che faccio devo per forza essere la figlia di qualcuno?
Che poi nemmeno si pongono il dubbio chiedendo ma dando per scontato. "Suo padre mi ha lasciato la chiave?"

La scuola a tempo pieno è il male. Sapevatelo. Perché è troppo pesante. Perché."io non l'ho mica fatta da piccolo e già solo i rientri non mi piacevano"

Odio profondo verso quella ragazzina viziata ed egoista che si fa bellamente gli affari suoi da anni ma ogni tanto se ne esce dispensando consigli non richiesti e sentenze a caso. Non sapendo niente della vita reale e dimenticando troppe cose, guardacaso quelle che le fanno più comodo

E' strano come sia difficile trovare qualcuno che la pensa come te su questioni fondamentali, e che sembrano scontate, sulla vita.

Buona giornata a tutti